Giorgio Rimondi, Le lacrime di Lacan. Fenomenologia di un’amicizia [ebook]

7,99 

Le biografie dicono che Jacques Lacan e Maurice Merleau-Ponty si incontrarono la prima volta al seminario di Alexandre Kojève, ma precisano che l’amicizia nacque successivamente, coinvolgendo le rispettive famiglie e consolidandosi nel tempo. Le lacrime di Lacan indaga questa amicizia, verificando come due uomini diversi per formazione e temperamento abbiano trovato il modo di colloquiare, influenzando i rispettivi percorsi intellettuali. Non senza contrasti e divergenze: poiché ogni relazione amicale comporta un problema di transfert, ovvero di identificazione, ma in quanto relazione di (e nel) pensiero non può prescindere dalla possibilità di un disaccordo.

Del resto solo così gli amici possono esistere, restando contemporaneamente fedeli a un’appartenenza e disponibili alla differenza. Quando non si parla dell’amicizia in generale ma di una relazione particolare, non si tratta infatti di riabilitare l’antica figura della philia, rinnovando la forma laica di una virtù che secoli d’amore del prossimo hanno reso esangue; si tratta di essere giusti con la cosa. Poiché l’amicizia non esiste senza l’amico, e non c’è alcuna ontologia che possa farla consistere in se stessa, ancorandola al cielo delle idee. Essa è sempre il risultato di un incontro e di una scelta d’oggetto, dunque di un’elezione e di un giudizio. Dal che discende che non è l’amicizia che manca, ma il sapere che la riguarda.

Descrizione

anno: 2020
formati inviati: epub/mobi
collana: Studia Humaniora (XXXVIII)
ISBN: 978-88-9314-256-4