Félix Guattari
L’inconscio macchinico
Franco Lolli
Vivere la pulsione
Saggio sulla soddisfazione in psicoanalisi
Felice Cimatti
Assembramenti
Matteo Bonazzi
Il teatro del desiderio
Jacques Lacan, da Platone a Spinoza
Umberto Galimberti
La condizione giovanile
nell’età del nichilismo
Letizia Konderak
Mondanità dell’uomo
e umanità del mondo
Henri Bergson
Durata e simultaneità
A proposito della teorie di Einstein
Bruno Moroncini
La lettera che cade
Jacques Lacan e l’uomo come scarto
Maddalena Fragnito e Miriam Tola (cur.)
Ecologie della cura
Prospettive transfemministe
Gianluca Solla
Disegnare, la formula di Freud
William Ross Ashby
Progetto per un cervello
Arnold Schönberg
Stile e Idea
André Cresson, Gilles Deleuze
David Hume
Friedrich W.J. Schelling
Criticismo e idealismo
Francesca Rigotti
Il filo del pensiero.
Tessere, scrivere, pensare
Jacques Derrida
Posizioni
Fabio Grigenti
Le macchine e il pensiero
Badiou – Il Film
Play
Michel Foucault
Dir vero su se stessi
Play
previous arrow
next arrow
Shadow
Slider

Politica e pratica politica

Ci sorprende, ogni volta, costatare come sia difficile farci capire sulla pratica politica ‒ non solo la sua importanza ma perfino la semplice nozione ‒ anche da donne e uomini comunisti. Ci sorprende perché la tradizione marxista ha sempre messo l’accento sulla pratica. Basti pensare a Gramsci, che parlava di filosofia della prassi per indicare il pensiero stesso dei comunisti.

Vero è che fra la cultura di sinistra e la cultura del movimento delle donne la comunicazione è resa difficile da una notevole distanza di linguaggi e di posizioni. Distanza che, secondo noi, è dovuta proprio alla differenza delle pratiche. Vediamo dunque di misurare questa distanza alla luce delle diverse pratiche politiche.

Ci sembra che la pratica dominante nella sinistra sia (stata) l’organizzazione. A ciò corrisponde il fatto che la sinistra sia piena di organizzazioni. È organizzato il partito, sono organizzati i movimenti, è stata organizzata la stessa condizione umana (donne, giovani), per non parlare degli operai, dei contadini, ecc…

Novità in libreria

Franco Lolli, Vivere la pulsione. Saggio sulla soddisfazione in psicoanalisi

Vivere la pulsione: è con questa enigmatica espressione che Jacques Lacan, al termine del Seminario XI, si interroga sullo statuto della soddisfazione a fine analisi e sulla possibilità di godimento aperta – come precisa nella stessa lezione – a un amore senza limiti. Un’altra frase, estratta dallo stesso seminario – il fantasma a fine analisi…

Felice Cimatti, Assembramenti

Il punto a) dell’Art. 1, Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale, contenuto nel Decreto del Presidente del Consiglio (DPCM) del 26 aprile 2020, stabiliva «il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro». Più in generale, secondo il punto c) «è vietata ogni forma di assembramento di persone in…

News: una recensione

doppiozero

Si sa, spesso le grandi mitologie hanno la loro origine in piccoli episodi, in dettagli di minuta vita quotidiana, spesso mossi da banale utilitarismo, che nel tempo, per quelle inspiegabili vicissitudini del senso e del successo, attecchiscono, si ricoprono di quarti di nobiltà nel loro ruzzolare nel futuro e diventano testate d’angolo. Sua maestà il divano, nell’atto stesso di entrare nella stanza del neurologo dr. Freud, la trasforma in stanza di analisi e il suo ingresso ha un motivo ben preciso: il dr. Freud trovava molto stancante sostenere lo sguardo delle/dei suoi pazienti per 8 ore filate e riteneva che anche le/i suoi pazienti sarebbero stati disturbati dal guardare il dr. Freud mentre, pur ascoltandoli con attenzione liberamente fluttuante, si abbandonava al flusso dei suoi pensieri…

Divano. Il dispositivo della psicoanalisi, Federico Leoni, Riccardo Panattoni (cur.), Orthotes, Napoli-Salerno 2021 [recensione di Walter Procaccio | Doppiozero | 21-11-2021 | leggi la recensione].

Autori

Cerca nel catalogo

Rassegna stampa e appuntamenti

202223mag2:00 pmComune-info: I tanti universi del cambiamentodi Giorgio Salerno2:00 pm Comune-info, RomaRassegna stampa:Pluriverso

202223mag2:00 pmSimone Weil per ripensare il presente: limite, radicamento, decentramentodi Alessia Franco2:00 pm Post-filosofie, BariRassegna stampa:Pensare in tempo di sventura

202223mag2:00 pmUniversità di Pisa: Presentazione del volume L'arte contesadi Gabriele Schimmenti2:00 pm Università di Pisa, PisaAppuntamenti:Gabriele Schimmenti

202219mag6:00 pmCentro Studi Maritain: Dialogo su Coltivare l'umanodi Antonio Petagine6:00 pm Istituto Internazionale Jacques Maritain, RomaAppuntamenti:Antonio Petagine

Manifesto

Orthotes è una casa editrice indipendente, plurale e democratica.
Orthotes si occupa prevalentemente di saggistica filosofica, considerando il “filosofico” nella sua accezione più semplice e caratteristica, e cioè come uso del sapere a vantaggio degli esseri umani, donne e uomini. #casa editrice filosofia #Orthotes #filosofia

Bruno Bauer
La Tromba del Giudizio Universale contro Hegel ateo e anticristo (2020)
Emil Cioran
Il libro delle lusinghe (2020)
Emil Cioran
Il crepuscolo dei pensieri (2020)
Bernard Stiegler
Della miseria simbolica (2020)
Félix Guattari
L’inconscio macchinico (2020)
Jan Patočka
Platone e l’Europa (2020)
Gilbert Simondon
Sul modo d’esistenza degli oggetti tecnici (2020)
Georges Didi-Huberman
Sentire il grisù (2019)
Pierre Fédida
Il sito dello straniero. La situazione psicoanalitica (2020)
Friedrich W.J. Schelling
Sistema dell’idealismo trascendentale (2021)