In Contro il discorso della libertà Lorenzo Chiesa sferra un attacco a tutto campo contro l’ideale falsamente trasgressivo di un’emancipazione totale e senza limiti. La posta in palio non è quindi un supposto “soggetto della libertà” capace di superare l’alienazione una volta per tutte, ma la coincidenza dialettica tra dis-alienazione e ri-alienazione da un punto di vista politico, estetico e religioso. Facendo della psicoanalisi lacaniana il suo principale strumento critico, Chiesa vaglia una serie di autori e di temi, quali la fobia del piccolo Hans e l’“ecologia della paura” di Mike Davis come ugualmente dipendenti da un’ideologia della tolleranza repressiva; l’invettiva di Pasolini contro la degenerazione visiva e biologica dei corpi operata dall’edonismo del consumismo “liberale”; l’errata lettura vitalista che Deleuze offre del teatro estintivo ed escrementizio di Bene; i diversi confronti di Agamben e di Žižek con il retaggio cristiano della “povertà” e dell’“inadeguatezza” in quanto potenzialmente salvifiche; le tensioni inerenti all’antropologia filosofica presupposta dalla politica emancipatoria di Badiou. Il libro si chiude delineando la figura del partigiano, ovvero di un tipo di soggettività che ci permetta di concepire un’intersezione resistenziale tra invariante biologica, morale provvisoria e politica radicale.

Recensioni

201930mag2:00 pmEuropean Journal of Psychoanalysis: Contro il discorso della libertàdi Bruno Moroncini2:00 pm European Journal of Psychoanalysis, RomaRassegna stampa:Contro il discorso della libertà

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X