202311dic2:00 pmRadio Onda d'Urto: Intervista radiofonica a Emanuele LeonardiIntervista su L'era della giustizia climatica2:00 pm Radio Onda d'Urto, BresciaRassegna stampa:L'era della giustizia climatica

Dettagli

Si avvicina il momento della verità alla controversa Cop28 di Dubai. Si raggiungerà un documento condiviso conclusivo che impegni da uscire dal fossile? Oppure uno che trovi soluzioni transitorie per ridurlo gradualmente? O, ancora, sarà l’ennesimo vertice che offrirà buoni intenti, ma nessun impegno reale e vincolante? Il presidente del vertice sul clima COP28, il pretoliere Sultan Al Jaber, ha esortato i negoziatori a lavorare di più per trovare un consenso, mentre la conferenza entra nella fase finale dei colloqui incentrati su una proposta di accordo primo nel suo genere per eliminare gradualmente l’uso mondiale di petrolio, gas e carbone.

“Il nostro pianeta è a pochi minuti dalla mezzanotte per quanto riguarda il limite degli 1,5 gradi. E l’orologio continua a fare tic tac”, ha avvertito il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres parlando di “una corsa contro il tempo” per limitare il riscaldamento globale. “Abbiamo bisogno di un risultato ambizioso che dimostri un piano decisivo in ambito climatico per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi e proteggere coloro che sono in prima linea nella crisi climatica”, ha aggiunto. I colloqui fino ad ora hanno evidenziato profonde divisioni internazionali sul ruolo futuro dei combustibili fossili, come era ampiamente prevedibile.

Ci offre un aggiornamento su quanto sta accadendo Emanuele Leonardi, ricercatore all’Università degli studi di Bologna e autore con Paola Imperatore del libro di recente pubblicazione “L’era della giustizia climatica. Prospettive politiche per una transizione ecologica dal basso”.

Data

(Lunedi) 2:00 pm

Sede

Radio Onda d'Urto

Brescia

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.