Michel Henry, L’essenza della manifestazione

essenza della manifestazione«Restituire un senso al concetto di vita interiore»: è questo l’intento di L’essenza della manifestazione. E questo implica non semplicemente che “si ragioni su” ma che si ritorni al senso dell’interiorità una volta mostrata l’insostenibilità del potere assoluto della ragione in ordine al vero, la sua incapacità nell’elaborare, a partire da sé, una conoscenza della vita e del reale. Occorre abbandonare ogni pensiero che si costruisca come rappresentazione per accogliere, nel pensiero, il disvelarsi stesso della vita, assolutamente interiore e non rappresentabile, lasciando che il pensiero sia rimodulato nel dirsi della vita. Un pensiero affettivo le cui sfumature sono le stesse della vita e del suo pathos, i cui passaggi sono i passaggi interiori di un’affettività che si articola, si differenzia, si ricompone, sprofonda nell’unità essenziale del sentirsi, nell’abbraccio della vita, in quella stretta che è adesione a sé, pura gioia, nell’impotenza e nella povertà radicale.

È a se stessi, alla profondità di se stessi in quanto soggettività vivente, che conducono questo pensiero filosofico e la densità del linguaggio che lo esprime.

Il carattere originario della manifestazione dell'essere

L’affermazione secondo la quale l’essere deve poter mostrarsi è ambigua. Questa ambiguità aumenta al punto da depistare la ricerca e travi­sare il significato della problematica relativa all’essenza quando la pos­sibilità per l’essere di mostrarsi viene posta in relazione con il lavoro metodologico della fenomenologia. Il lavoro metodologico della fenomenologia è inteso come esercizio di delucida­zione. Delucidare significa mostrare, far giungere alla luce ciò che ori­ginariamente non si trova nel suo raggio. Ciò che deve essere delucida­to è ciò che innanzitutto si nasconde. Quando è messa in relazione con il lavoro di delucidazione della fenomenologia, la possibilità per l’esse­re di mostrarsi appare come una possibilità che di per sé non è effetti­va, che ha la sua realizzazione precisamente solo in e attraverso quel la­voro. Solo quando la fenomenologia ha compiuto la sua opera, l’essen­za da essa delucidata giunge alla luce, ovvero l’essere si mostra. Il pri­mo risultato della delucidazione del concetto di fenomeno è stato tut­tavia di rendere evidente la necessità di operare una dissociazione tra il lavoro di delucidazione, che definisce il compito della fenomenologia, e la realtà del concetto che forma il suo oggetto, vale a dire: il sorgere dell’essenza nell’effettività della sua condizione fenomenale. La manife­stazione dell’essere, lungi dal potere essere una semplice conseguenza del la­voro metodologico di delucidazione della fenomenologia, ne è invece la condizione, visto che essa è la condizione di ogni possibile manifestazione di un qualsiasi ente in generale. La manifestazione dell’essere quindi non si realizza nell’“infine” dell’opera compiuta dalla fenomenologia, ma nel “già” della sua condizione originaria che è, come tale, come il già della manifestazione pura effettiva che rende possibile ogni com­portamento e ogni passo ulteriore, l’assoluto. L’essere si manifesta fin d’ora, prima di ogni lavoro di delucidazione. Già: non solo come pre­supposto di tale lavoro, ma come una condizione assolutamente uni­versale di ogni attività della coscienza naturale in generale.

recensioni

Michel Henry, L’essenza della manifestazione, a cura di Giuseppina De Simone, Orthotes Editrice, Napoli-Salerno 2018, 786 pp., 40 euro (collana: Dialectica)

Michel Henry, L’essenza della manifestazione ultima modifica: 2018-03-01T19:16:56+00:00 da orthotes
Ancora nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.