Alessandro Foladori è dottore di ricerca in filosofia presso l’Università di Verona. Si occupa di teoria dell’esperienza, delle istituzioni e del mito, con particolare riferimento alle opere di Gilles Deleuze, Félix Guattari e Furio Jesi. È membro del centro di ricerca “Tiresia. Tra filosofia e psicoanalisi” di Verona. Ha pubblicato articoli su «La Deleuziana», «Fata Morgana», e per i collettanei della collana Le parole della psicoanalisi edita da Orthotes. È redattore della rivista indipendente «Malora».

Ambienti e territori

In un luogo nascosto della loro opera Gilles Deleuze e Félix Guattari affermano che uno scopo del monumentale progetto intitolato Capitalismo e schizofrenia è quello di riscrivere la storia universale e che «innanzitutto la storia universale è storia delle contingenze». Si tratta di un’affermazione perentoria che può essere intesa solo in termini propriamente umoristici. Quello che emerge infatti da una simile frase è un paradosso: l’universale, ciò che dovrebbe valere per tutti e costituire quindi una verità ontologica qualificabile come fondamento, è attribuito alla contingenza, per definizione qualche cosa di inessenziale, di impuro, e quindi di facilmente liquidabile da un sistema di pensiero atto a cogliere l’essenza prima e ultima. Il paradosso è inoltre raddoppiato dal fatto che si parli qui di una storia, ovvero di qualcosa suscettibile di sviluppo, di divenire e di mutamento in termini di cui si possa rendere conto.

È chiaro che qualsiasi essere che venga posto come fondamento deve, per fondare qualcosa, poter garantire una stabilità eterna e quindi essere propriamente astorico. Stritolato tra il contingente e lo storico, l’universale tuttavia non cede e compare comunque a giocare il proprio ruolo nella frase di Deleuze e Guattari. È in questo senso che siamo davanti a un procedimento umoristico e non soltanto a una battuta o a un motto ironico: il paradosso, dispositivo incoronato dell’incedere filosofico, spalanca un campo problematico in cui i termini si rapportano l’uno all’altro con una tensione insolubile.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X