Achille Varzi, I colori del bene

La filosofia è sempre stata coinvolta nella responsabilità di un autentico “vivere bene”. Lo ricordava già Seneca a Meneceo. Al di là delle differenze derivanti dalla dimensione non semplicemente individualistica, ma etica e politica del vivere, noi contemporanei ci sentiamo chiamati a stabilire la possibilità di una “globalizzazione” del bene. Per uscire dalle strettoie del senso unicamente negativo, che al soggettivismo si può dare in questo campo, è richiesta la disponibilità ad accettare un mondo “policromo” di valori. Pertanto, muovendo dal pluralismo estetico e procedendo con rigorose argomentazioni, ci si sforza di dimostrare come solo una difesa adeguata del pluralismo etico possa tentare di dare soluzione al dilemma sull’oggettività o convenzionalità del bene.

recensioni

03.01.2016 // Giornale dei comuni
26.09.2015 // Left
13.09.2015 // Il Sole 24 Ore

Achille Varzi, I colori del bene, Orthotes Editrice, Napoli-Salerno 2015, 114 pp., 10 euro (collana: Festival)

Achille Varzi, I colori del bene ultima modifica: 2017-02-10T09:57:08+00:00 da orthotes
Ancora nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X