Podcast
_________________
Carlo Crosato
Foucault: pensare
criticamente la storia
Giorgio Rimondi
Le lacrime di Lacan
Fenomenologia di un'amicizia
Carlo Negri
Deleuze e il postumano
Corpo e soggetto nella postmodernità
Armando Canzonieri
L’atleta indisciplinato
Fortuna ed esercizio
Gioele P. Cima
Il Seminario Perpetuo
Il tardo e l’ultimo Lacan
Anton Webern
Il cammino verso la nuova musica
previous arrow
next arrow
Shadow
Slider

Don’t forget to breathe

Manca il respiro. A quarantena finita, l’aria manca proprio come prima del confinamento. Com’è possibile?

In un romanzo del 1990 intitolato La musica del caso, Paul Auster immagina un uomo che, per uscire da una fase particolarmente critica della sua esistenza, mette in campo tutte le energie di cui dispone. La sua grande operosità, però, si concretizza in un’impresa bizzarra, ovvero la maniacale fabbricazione di un muro nel quale egli finisce per imprigionarsi. In questa sua poetica dell’assurdo, lo scrittore americano si sarà forse ispirato a un racconto che Franz Kafka aveva scritto circa settant’anni prima: ne La tana un misterioso io narrante descrive la minuziosa costruzione di un nido confortevole e sicuro, che insensibilmente si trasforma in una trappola. Siffatti personaggi, impegnati dapprima ad aprirsi uno spazio in cui essere liberi di godersi il proprio, finiscono poi per chiudersi in cattività…

Novità in libreria

Carlo Negri, Deleuze e il postumano. Corpo e soggetto nella postmodernità

Che ne è del Corpo e del Soggetto nell’epoca del postumano? Questa la domanda alla luce della quale il volume esamina le molteplici voci del panorama postumanista, ripercorrendone la genesi da un punto di vista storico e teoretico. Consapevoli o meno, infatti, il postumano è il nostro presente, che decide i nostri corpi e qualifica…

Filippo Bergonzoni, L’artista dell’essere. Arte e bellezza nel pensiero di Antonio Rosmini

Quando proviamo ad accostarci al tema della bellezza ci troviamo di fronte a un ostacolo insormontabile, quasi fossimo arrestati da un muro davanti a cui – ha detto Simone Weil – «tutto ciò che è stato scritto al riguardo è miserabilmente ed evidentemente insufficiente». Eppure la filosofia non ha rinunciato a tentare la scalata di…

News: una recensione

Repubblica

Gli ultimissimi Seminari di Lacan, tenuti nella seconda metà degli anni Settanta, sono i più condizionati dall’irruzione della topologia, ma anche dalle pause, dai silenzi prolungati e dal carattere spesso contradittorio del pensiero di un Lacan fiaccato fatalmente dal peso degli anni. L’immagine è quella di una sorta di maestro Zen che riduce sempre più lo spazio della propria parola lasciandola ai suoi allievi e che si impegna nella composizione con le proprie mani di nodi borromei improbabili. Il fluire barocco ma, al tempo stesso, rigorosamente cartesiano della sua parola che aveva caratterizzato i suoi Seminari per un arco di vent’anni lascia il posto al movimento intermittente del suo pensiero…

Gioele P. Cima, Il Seminario Perpetuo. Il tardo e l’ultimo Lacan, Orthotes, Napoli-Salerno 2020 [recensione di Massimo Recalcati | la Repubblica (Robinson) | 30-05-2020 | leggi la recensione].

Autori

Lorenzo Chiesa

Lorenzo Chiesa è filosofo e docente presso il Freud Museum di Londra e la European University di San Pietroburgo…

Franco Lolli

Franco Lolli è analista di ALIPsi, direttore della sede IRPA di Grottammare (AP)…

Mariapaola Fimiani

Mariapaola Fimiani è professore emerito di Filosofia morale nell’Università di Salerno e…

Henri Bergson

Henri Bergson (1859-1941) è stato uno dei più importanti filosofi francesi del Novecento…

Libri

Angelo Campodonico, Maria Silvia Vaccarezza, La pretesa del bene. Teoria dell’azione ed etica in Tommaso d’Aquino

Da un lato al bene, ovvero a ciò che ci compie, non possiamo non tendere sempre, dall’altro il bene stesso esercita un’attrazione e una pretesa sulla nostra vita. Ecco perché, nella prospettiva di Tommaso d’Aquino, non c’è opposizione fra finalismo e normatività, e la domanda fondamentale della sua etica si può formulare così: quale bene…

Gilles Deleuze, Félix Guattari, Mille piani

La pubblicazione di Mille piani, nel 1980, è da considerarsi un evento del linguaggio e del pensiero, scioccante nel colpire e impercettibile nella sua azione trasformatrice, che ancora oggi continua ad agire sui corpi, individuali e collettivi. Come ogni evento, è dovuto scorrere del tempo – e forse altro ne passerà – perché la densità e…

Cerca nel catalogo

Collane

Teoria sociale

La collana di Teoria Sociale nasce con l’intento di stimolare il confronto e il dialogo tra studiosi di scienze sociali e tra quanti si interessano dei processi di trasformazione che caratterizzano le società attuali…

Festival

I libri di questa collana sono tutti d’occasione, ma di bella e buona occasione. Derivano sempre da un precedente evento di dialogo filosofico, in piazza, al mare, d’estate. Concentrazione e riflessione filosofica per un…

Studi jaspersiani

La rivista Studi jaspersiani, diretta da Giuseppe Cantillo e Francesco Miano, è nata nel 2013 e si avvale di un comitato scientifico composto da alcuni dei più autorevoli studiosi jaspersiani. La Rivista si intende come spazio di confronto…

Italiana

La collana Italiana ospita opere che segnano dei classici della tradizione filosofica del nostro paese, accanto a saggi di studiosi attualmente impegnati nell’analisi e nella critica degli autori e dei nuclei concettuali più importanti di questa stessa tradizione. Si tratta di testi…

Rassegna stampa e appuntamenti

202024set(set 24)5:30 pm202115apr(apr 15)8:00 pmDeleuze-Guattari 1980-2020. Quarant'anni di Mille pianiIn diretta streaming su: https://www.facebook.com/Orthotes/(settembre 24) 5:30 pm - (aprile 15) 8:00 pm Orthotes Facebook Page, https://www.facebook.com/Orthotes/

202027giu2:00 pmScienza & Filosofia: Recensione di Nostra Signora Filosofiadi Vincenzo Cuomo(giugno 27) 2:00 pm Scienza e Filosofia, NapoliRassegna stampa:Nostra Signora Filosofia

202003giu2:00 pmDiscipline filosofiche: Recensione a Felice Cimatti, La vita estrinsecadi Tommaso Franci2:00 pm Discipline Filosofiche, BolognaRassegna stampa:La vita estrinseca

202030mag2:00 pmRepubblica: Lo scherzo di Lacandi Massimo Recalcati2:00 pm la Repubblica, RomaRassegna stampa:Il Seminario Perpetuo. Il tardo e l’ultimo Lacan

202027mag2:00 pmPhilosophy Kitchen: Recensione a Lacan, una scienza di fantasmi di Federico Leonidi Lorenzo Curti2:00 pm Philosophy Kitchen, TorinoRassegna stampa:Jacques Lacan, una scienza di fantasmi

Manifesto

Orthotes è una casa editrice indipendente, plurale e democratica.
Orthotes si occupa prevalentemente di saggistica filosofica, considerando il “filosofico” nella sua accezione più semplice e caratteristica, e cioè come uso del sapere a vantaggio degli esseri umani, donne e uomini. #casa editrice filosofia #Orthotes #filosofia

Bruno Bauer
La Tromba del Giudizio Universale contro Hegel ateo e anticristo (2020)
Emil Cioran
Il libro delle lusinghe (2020)
Emil Cioran
Il crepuscolo dei pensieri (2020)
Bernard Stiegler
Della miseria simbolica (2020)
Félix Guattari
L’inconscio macchinico (2020)
Jan Patočka
Platone e l’Europa (2020)
Gilbert Simondon
Sul modo d’esistenza degli oggetti tecnici (2020)
Jacques Derrida
La verità in pittura (2019)
Anton Webern
Il cammino verso la nuova musica (2019)
Georges Didi-Huberman
Sentire il grisù (2019)
Pierre Fédida
Il sito dello straniero. La situazione psicoanalitica (2020)
Michel Foucault
Dire il vero su se stessi (2020)
Vladimir Jankélévitch
Il paradosso della morale (2020)